La pizza del ’22 vista dall’Est

Napoli – pizza. Sulla superficie del ripieno screziato palazzi fatiscenti, caos, sciatteria e furto, e sotto di essa una solida base di sincerità, l’ospitalità e la generosità. Qualcuno vede solo riempimento, ma soprattutto la pizza – la pasta, secondo la terza generazione pizzaiolo Giovanni single-name importazioni centro storico di Napoli ‘- un labirinto di stradine, che qua e là attraversare le strade con ampie piazze soleggiate, antichi palazzi e basiliche – belle ma fatiscenti. Dentro il labirinto è sempre ombra parziale: i raggi del sole difficilmente raggiungono il ponte a causa delle alte palazzine secoli XVI-XVII. Al primo piano completamente negozi, bar, pizzerie. E di fronte a loro come upstart arrogante, ricca di negozi di vendita al dettaglio. pesce locale di vendita e frutti di mare, frutta e verdura, immigrati provenienti da Africa e Cina – borse false, occhiali da sole e il panno poco costoso. A completare il quadro di traboccante cassonetti, svolazzando sopra la sua testa mutande (in città fino ad ora, come nei film, appendere il bucato sul bucato steso tra le case) e la folla. Non è possibile passare, in modo da non offendere nessuno con la spalla. La maggior parte di queste strade pedonali, ma lo scooter è un po ‘preoccupato. Likhachev senza casco correre passato ogni minuto, anche grazie ad una gamba.

– Otturazioni con l’eccesso, non è vero?Non si annoia … – dice Giovanni single-name importazioni , un 42-year-old proprietario pizzeria napoletana e Al 22 ( “Sotto i 22 m”). Nome – il numero di serie su Pignasecca , una delle vie tipiche locali.– Gli occhi corrono! Lo stesso si dice dei miei clienti, quando leggono il menu. Non consiglio un sacco di condimenti da scegliere, nella più deliziosa pizza – pasta.

Giovanni è molto veloce, se non interferisce con la folla. Ogni tanto rallenta, per dire ciao ai proprietari di negozi, che sono in piedi sui gradini, e si affaccia sul torrente umano, parlare tra di loro: “Marco, Salute! ? Come stai, mio caro “-” Bene!Cosa si fa, Pasquale? Una splendida giornata! “

Negli aromi aria di caffè forte, brioches di vaniglia, pesce fresco e vicino al mare. Dieci del mattino, nella strada più 20, il sole dolce splende in un cielo blu brillante – inverno tipica napoletana! Dalla finestra della canzone sincera di qualcuno suona nel dialetto locale:Femmena, tu si na è Malafemmena … ( “Donna, che si sono attraenti e crudele …” – Nota “Il giro del mondo.” ).

– Questa è la nostra vita – sorridente Giovanni. – Sempre il movimento: le persone si incontrano, parlano, bere un caffè, mangiare la pizza. Qui, nel centro, sono nato, sono cresciuto, vissuto e lavorato. Io non immagino me stesso in qualsiasi altro luogo.

Re Pizza!

– Ho ereditato la professione e la pizza da suo padre, che – da soli, – dice Giovanni. – Il nonno ha aperto Al 22 nel 1935. Ha anche una pizza non mi piaceva, non il forno. Causa di mia nonna ha il Maria – donna d’affari da parte di Dio. Ha assunto un giovane e di grande talento pizzaiolo, che poi ha insegnato l’abilità di mio padre e me.

La corsia termina bruscamente, e ci troviamo in una delle principali strade della città – Via Toledo, di fronte a Piazza Dante. Gli ingorghi, alcuni anche a Mosca, non sarà possibile vedere. Tutti vanno in una direzione diversa, con i segnali disperati. E viene in mente la nitidezza del presentatore televisivo Luciano De Crescenzo: “A Napoli, una luce rossa – non è un divieto, e il consiglio” .

 Re Pizza! – Esclamò Giovanni, guardando il caos di auto e ciclomotori. E poi, con una risata, spiegando che si tratta di un’espressione in gergo italiano per“Come malato di esso!” , E letteralmente – semplicemente “Che una pizza” . La frase è venuto a persone provenienti da registi che hanno detto così di qualche pellicola noiosa. Perché la forma pellicole in rotoli e le dimensioni è simile alla pizza.

– Guardate questa scuola ho studiato, – interrompe lo stesso Giovanni e non prestando più attenzione alle macchine ronzio si muove lungo la strada per la costruzione del XVIII secolo in stile barocco. – Inizialmente, è stato il collegio dei Gesuiti. Che occupa un’ala della scuola, l’altro – un collegio per i bambini provenienti da famiglie povere. Hanno poi danno la tavola e da letto.

Giovanni infanzia ha aiutato la famiglia in pizzeria: i clienti handed, lavare i piatti, guardato e imparato. Ora fare lo stesso le sue due piccole figlie. Ma di rinviare il caso, che spera ancora i due nipoti, figli, sorelle – non come una donna pesante questo lavoro, anche se pizzaiolo bel sesso è sempre più grande.

– E questa è la nostra chiesa di famiglia di Santa Chiara. Appartiene all’Ordine Francescano, – single-name importazioni fermati nella piazza di fronte al tipo ascetico Gesù Nuovo della basilica del XIV secolo. In Italia, in particolare nel sud, ha deciso di rispettare la tradizione cattolica: la nascita dei bambini, matrimoni e funerali italiani vanno in chiesa. La maggior parte dei bambini da sei a quattordici anni di età sono iscritti a scuola Domenica. Basilica di Santa Chiara è particolarmente modesto in confronto alla Cattedrale di Cristo il contrario. Ma Giovanni spiega che la parrocchia, così come compagna, scelto di non per gli sguardi. – Poi i miei genitori si sono sposati, hanno ricevuto la prima comunione, mia sorella ei nostri figli. sacerdoti locali vivere secondo i principi che predicano.

– Faresti meglio appendere la borsa sulla spalla, – improvvisamente cambia argomento Giovanni, guardando un paio di ragazzi su un ciclomotore, lentamente passava. – Mezzo Obvoruyut della giornata … Soprattutto attenzione scooter. Di solito essi operano su due ciclomotori: quelli a terra, tirare la cosa dalle mani e la seconda compagni di essere spostati che portavano via. Ho solo portare i documenti, e qualche spicciolo in tasca per un caffè. Re Pizza!

truffatori onesto?

– Il nostro argine – Giovanni ammira l’ampio viale, eleganti edifici XVIII-XIX secoli, il mare e le barche ormeggiate. – Ora pochissimi turisti in estate c’è spazio per oscillare caduta.

Lungo le sponde jogging e camminare i loro cani la gente del posto, i turisti scattano le telecamere prima di un gigante Castel dell’Ovo (Egg Castle) – l’edificio più antico della città (.. per segnalibro la sua prima pietra nel VII secolo aC, conta la storia di Napoli).Questa è una delle zone più alla moda, tutti a casa restaurata. Gli italiani da nord, non senza malizia chiamato “la parte più europea della città.” A loro non piace Napoli per la sporcizia e il caos nelle strade, con il disprezzo per le leggi ei regolamenti, ei suoi abitanti sono chiamati “i nostri marocchini”. E ‘nordisti arricchito detti folcloristici nazionali come“Napoli sarebbe stato perfetto se non fosse per i napoletani lì” .

– La maggior parte di noi vuole vivere in modo civile: a rispettare le leggi, di gettare rifiuti in contenitori diversi … Ma giudicati da una minoranza rumorosa – per la prima volta è diventato triste Giovanni. – Purtroppo, stiamo raccogliendo i frutti della nostra storia. A causa della povertà in Napoli ha sempre prosperato crimine, la mafia – la camorra. Di generazione in generazione di bambini è cresciuta senza padre, mentre erano in prigione, e cacciato il furto. I suoi figli sono anche insegnato a rubare. E così fino ad oggi …

Camorra a Napoli ha avuto origine nel Medioevo e raggiunse la massima prosperità dopo la Seconda Guerra Mondiale. Il Governo della Repubblica italiana, le economie emergenti più grandi nel nord. Ci sono depositi di minerali di ferro e altri minerali, là e tutte le grandi imprese sono stati aperti. Sud, è rimasto l’agricoltura, che non guadagnano molto.Sfruttando l’indifferenza dei leader del paese, che era il proprietario effettivo della mafia di Napoli. Fino ad ora, la camorra è considerato uno dei più grandi mali del sud italiano.

– Per noi nella pizzeria Il camorrista zahazhivali, – dice Giovanni – ma mai minacciato e non estorto denaro. Io non so perché … forse perché abbiamo fatto una deliziosa pizza?

Oggi, in questo luogo a Giovanni nemici non venire. Venite amici, e tutti si aspettano un rinfresco sulla casa – un colpo di Amaro (amaro digestivo) o un pezzo di torta fatta in casa.L’ospitalità e la generosità degli abitanti di Napoli sono conosciuti ben oltre i suoi confini.Anche i compatrioti arroganti da nord riconoscono questo e non considerano vergognoso per trascorrere una vacanza nella “sporca” di Napoli: la maggior parte dei turisti qui – gli italiani.

Sulla strada per Castel Sant ‘Elmo XIV secolo, che offre, secondo la mia guida, la più bella vista sul golfo di Napoli e sul Vesuvio, guardare nel vostro bar preferito single-name importazioni Giovanni Via Tarsia.

– Ciao, Paolo, ci rendono un caffè, – urla divertimento pizzaiolo, appena varcata la soglia.Amici calorosamente abbracciano sul bancone come se da molto tempo che non ci vediamo. – Ogni mattina prendo la figlia maggiore a scuola, e noi, insieme ad altri padri bere caffè qui.

– No, no, sto comprando, – Paolo barista si rifiuta di pagare per il caffè bevuto, ma prende Giovanni da 90 centesimi a “Kaffe sospezo”, cioè “hold caffè”. Si tratta di una vecchia tradizione napoletana: un po ‘di gentilezza paga un’altra tazza per il povero, che può vagare qui senza un centesimo in tasca.

cibo immateriale

Ciò non toglie i napoletani, oltre alla generosità, è città natale orgoglio. In primo luogo, hanno fatto che l’Unesco ha preso sotto la protezione del centro storico – lasciare che il squallido e trasandato. Ora cercano la stessa cosa per … pizza. Nel 2011, l’associazione di questa pizza napoletana ( l’Associazione Verace pizza Napoletana – AVPN ), che è single-name importazioni pizzaiolo, ha depositato una richiesta di Unesco per il riconoscimento Pizza – il cibo preferito dei poveri del sud d’Italia – il patrimonio culturale immateriale. L’Associazione ha stabilito uno standard uniforme di preparazione della pizza originale. L’Unione europea ha onorato il suo status legale “è un piatto tradizionale italiano con qualità garantita.”

– UNESCO darà una risposta positiva, perché la pizza – una parte della nostra cultura, – ha detto Giovanni. – Siamo a Napoli mangiamo a colazione, pranzo e cena. Vero mattina napoletana non inizia con brioche e pizza e portafolo (piccola “Margarita”, piegato a metà -. Nota “Il giro del mondo.” ).

Le principali attività dell’Associazione – le competenze formative pizzaiolo da tutto il mondo che vogliono: Giappone, Stati Uniti, in Europa. Giovanni single-name importazioni – uno degli insegnanti.

– Alla fine dei dieci portate emettiamo un pizzaiolo certificato che fa una vera pizza napoletana. Ma possiamo poi ritirare la carta – non scherzi Maestro. – Incognito informarsi presso la pizzeria e subito capire che spazzatura qui e lavorare onestamente.Recentemente revocato il certificato in Brasile, Giappone e anche a Napoli …

Le basi segrete

Giorno della settimana Giovanni inizia alle otto del mattino: è il momento di cuocere la pasta per la cena. E che per la cena, aspettando l’ora di sera.

– Pizza – si tratta di acqua, sale, lievito e farina. Pomodoro, formaggio, burro sono secondari, La cosa principale – la pasta – rimboccarsi le maniche, Giovanni versa la farina in un miscelatore meccanico. – E a Napoli: furti, sporcizia e incuria – tutto questo è transitorio. La cosa principale – buone, persone volenterose.

Correzione e sulla cosiddetta maturazione test richiede almeno 12 ore.

– La pasta può salire e un paio di ore, – dice Giovanni, l’acqua con la farina mescolando. – Ma ci vuole tempo per maturare! Si tratta di un processo lungo, quando i carboidrati complessi sono convertiti in semplici pasta saturare l’aria, diventa facile da digerire bene.Ho notato che dopo la pizza è a volte molto sete? Un segno sicuro di una brutta prova.Così non è stato fino a quando doderzhat pronto: a digerire carboidrati complessi lascia molti liquidi.

Secondo Giovanni, un buon test – tasso di successo del 49%, e il resto dipende dal forno.La vera pizza napoletana è cotta solo sul fuoco di legna. Anche se, secondo il pizzaiolo, forno a gas può anche ottenere gustoso.

Sui pomodori ripieni sono freschi e in scatola, ma solo due varietà: “San Marzano”, che cresce nelle vicinanze di Salerno, o “pennolo” dalle pendici del Vesuvio. L’olio d’oliva dovrebbe essere esclusivamente extra vergine, e mozzarella – da latte di bufala. Pertanto, gli studenti stranieri scrivono gli ingredienti provenienti da Italia.

– Tutte queste regole e rendere la qualità di vero e proprio standard di pizza napoletana – rimuove il grembiule Giovanni, per finire con la pasta. – Gli ingredienti rimanenti possono essere scelti liberamente. Ma per noi, i napoletani, la pizza è reale – è “Margherita” e “Marinara” (con pomodoro, aglio, origano e olio d’oliva – è sempre amato da portare con voi in i pescatori di mare, perché il nome). Una varietà di ripieni – un omaggio alle preferenze moderni. Per me, più le cose si mescolano, il meno sentire il sapore della pizza in sé, e dannoso per lo stomaco.

Giovanni mi guarda come se la divinazione domanda, ride:

– Sì, e a Napoli, molte cose sono mescolati, in qualche provoca indigestione. Solo vi dico questo: Sono stato in molte città di tutto il mondo e spesso ammirato la loro differenza piacevole da Napoli la pulizia, la cultura di guida. Ma ho capito che questo è solo l’aspetto esteriore della vita, e di quello che c’è dentro, non lo so. Qui, so esattamente cosa c’è dentro: apertura e amore. Abbiamo tutto per essere felice: storia, cultura, buon cibo, mare, sole e la gente. Questo è sufficiente. Felice l’uomo – colui che è convinto che esso ha.Napoletani hanno la felicità nel sangue.

Orientamento per le aree
di Napoli, Campania, Italia

× Prenota la tua pizza!